Ipnosi & Counseling

Ipnosi e Counsellig come percorso di disassuefazione dalla dipendenza da tabacco.

Smettere di fumare è una difficile impresa.  La conoscenza e la paura delle malattie provocate dal fumo di tabacco non è sufficiente ad interrompere un'abitudine tanto soddisfacente,ad abbandonarne il gesto, il piacere, la compagnia.
Il fumo di sigaretta risulta determinante su quattro delle più comuni cause di morte e cioè le malattie coronariche, i tumori (del polmone,delle  vie aerodigestive superiori,dello stomaco,del pancreas,della vescica, dei reni,della cervice uterina),le malattie cerebrovascolari,la broncopneumopatia cronica ostruttiva.
E'prevedibile che quest'ultima entro il 2020 diventerà la terza causa assoluta di decesso nel mondo,in parallelo con l'incremento della diffusione del fumo di tabacco. In Italia ogni anno muoiono 70.000-80.000 persone circa a causa del fumo di tabacco. Più del 20% della popolazione italiana fuma.
Ma le cattive notizie non arrivano all'inconscio. C'è sempre una voce che ribatte. "Mio nonno è morto a 90 anni fumando!" "Se deve succedere succede""Anche i non fumatori s'ammalano".Falso! La maggior parte dei fumatori ignora di essere affetta da una malattia polmonare cronica, per la cui diagnosi spesso sarebbe sufficiente solo una spirometria, il 50% degli aneurismi aortici è causato dal fumo,il 90% dei tumori polmonari colpisce fumatori o ex fumatori, il cancro polmonare è responsabile del 28% di tutti i decessi per cancro. Le morti improvvise sono più frequenti nei fumatori.
Conviene smettere? Certamente conviene.  "Circa il 40%dei fumatori morirà prematuramente per non essere stato in grado di smettere (Harrison2005)"  Già dopo 8 ore dalla sospensione dal fumo  il monossido di carbonio scompare dal sangue,dopo 48 ore migliora il gusto e l'olfatto,dopo 3 mesi la funzionalità respiratoria s'incrementa del 30%, dopo un anno circa migliora la performance globale e la dispnea, e si riduce il rischio coronarico,dopo 5-10 anni diminuisce  significativamente la probabilità di contrarre un tumore,man mano sempre più vicina a quella di chi non ha mai fumato.

La maggior parte dei fumatori  almeno una volta nella vita ha provato a smettere con diversi sistemi.Ma i risultati a distanza sono ancora insoddisfacenti, se il 22-23% della popolazione e è ancora  dedita al tabagismo.
Nella disassuefazione da fumo l'ipnosi vanta una considerevole percentuale di successi nelle casistiche internazionali, a dispetto di gratuite affermazioni che ne vogliano negare l'efficacia. Non si può invece negare la tossicità dei farmaci utilizzabili,vareniclina,bupropione,cerotti alla nicotina ecc.A noi sembra paradossale cercare di cancellare una abitudine dannosa con strumenti tossici.
D'altronde non esiste centro antifumo che possa fare a meno del counselling,che viene infatti incluso senza tentennamenti dalle società scientifiche tra i trattamenti ad elevata efficacia.

Il percorso da noi ideato per la disuassefazione dal fumo di tabbacco s'avvale dunque di 2 discipline diverse tra loro, ma altrettanto efficaci: l'ipnosi ericksoniana ed il counselling,che utilizzano entrambe i metodi indiretti.
L'ipnosi parla all'inconscio  all'insaputa della mente razionale che rifiuta qualsiasi invito a smettere. Suggerisce immagini e metafore, ma non somministra ordini,potenzia l'io,ma non lo costringe.
Il counselling lavora per far emergere nell'individuo tutte le sue qualità positive senza intaccarne l'autonomia.
L'ipnosi è quello speciale rapporto tra due persone,una  un ipnotista medico o psicologo, l'altra l'ipnotizzato, che si traduce in un cambiamento dello stato di coscienza di quest'ultimo ,che può essere utilizzato a fini terapeutici. Già nel 1958 negli USA la American Medical Association aveva riconosciuto che l'ipnosi è una forma legittima di procedura terapeutica se eseguita da un medico o psicologo adeguatamente formati.
Nell'ipnosi emergono i sitemi inconsci del soggetto ipnotizzato più sensibili alle novità ed ai cambiamenti, meno critici e più orientati sull'io creativo.In ipnosi tace quella voce che si prende gioco degli ammonimenti e delle minaccie segnalati sul pacchetto di sigarette.
Recenti studi di neuroimaging, cioè RNM funzionale e  PET,l'elettroncefalografia, i potenziali evocati etc, hanno dimostrato che in ipnosi vengono attivati nuovi circuiti neuronali, diversi dallo stato di veglia, e diversi dallo stato di sonno.
Il counseling è  un intervento, effettuato da uno specialista , diretto a singoli individui o a gruppi, finalizzato al potenziamento delle risorse e delle capacità personali, attraverso la promozione di atteggiamenti attivi e propositivi, stimolando le capacità di scelta.
A differenza del paziente nella psicoterapia, il cliente nel counselling non ha bisogno di essere curato né aiutato a superare una sofferenza psicologica, ma si avvale delle competenze del counselor come sussidio delle capacità che già possiede in modo da conseguire obiettivi che desidera nei modi e nei tempi che gli sono consoni.
E' pertanto intuibile, da quanto detto, come il counselling possa essere una tecnica utile e consigliabile nel sostenere i fumatori che abbiano preso la decisione di smettere.
Attraverso l'intervento di counseling, la comunicazione diviene relazione, e ciò  permette al "cliente" di attingere al proprio personale potenziale interiore, per trovare le risposte e gli strumenti per uscire dalla dipendenza.
Il counselor facilita il percorso del cambiamento e della trasformazione positiva dello stile di vita, delle convinzioni, di tutti quei pregiudizi che non gli consentono di disuassuefarsi dalla dipendenza dal tabacco.

Il nostro percorso di counseling ed ipnosi per la disassuefazione dal fumo di tabacco è costituito da quattro incontri intervallati ognuno tra loro da una settimana,2 di counselling e 2 di ipnosi.
Ma ogni fumatore viene valutato  nei suoi specifici bisogni e pertanto il counsellig può durare più a lungo e le sedute d'ipnosi essere più numerose.
Fumare non è una vergogna e smettere di fumare non è un obbligo, ma per cambiare e continuare la corsa bisogna gettare la zavorra del rischio fumo che potrebbe cancellare le nostre aspirazioni e dissolvere i nostri sogni.

 

 

 

NOTE BIBLIOGRAFICHE

Linee guida cliniche per promuovere la cessazione

dell'abitudine al fumo. ISS 2008.

www.iss.it/ofad/fumo/cont.php?id=283

&lang=1&tipo=3

Varenicline: suicidal behaviour/thoughts to

MHRA. Reaction weekly 2008; 1211.

Stead LF et al. Nicotine replacement therapy

for smoking cessation. Cochrane Database

of Systematic Reviews 2008; Issue 1.

Eisenberg MJ et al. Pharmacotherapies for

smoking cessation: a meta-analysis of randomized

controlled trias. CMAJ 2008; 179:

135-44.

 Department of Veterans affair. VA/DoD clinical
practice guideline for the management
of tobacco use 2004. www.guideline.gov/

 Lancaster T et al. Individual behavioural
counselling for smoking cessation. Cochrane
Database of Systematic Reviews 2005,
Issue 2.

 

Stead LF et al. Telephone counselling for

smoking cessation. Cochrane Database of

Systematic Reviews 2006, Issue 3.

 

Stead LF, Lancaster T. Group behaviour

therapy programmes for smoking cessation.

Cochrane Database of Systematic Reviews

2005, Issue 2.

 

Lancaster T, Stead LF. Self-help interventions

for smoking cessation. Cochrane Database of

Systematic Reviews 2005, Issue 3.

Nagar A., Ipnosi e fumo. Ipnosi e tecniche cognitivo-
comportamentali nella disassuefazione tabagica, Torino
settembre 2004

Clinical hypnosis for smoking
cessation: preliminary results of a three-session inter-
vention. Int. J. Clin. Exp. Hypn., 2004 Jan;52(1):73-
81.